Carole Di Tosti (link completo) 

Carole Di Tosti, Ph.D. È una scrittrice, giornalista, romanziere e poeta. Carole Di Tosti, attualmente scrive recensioni e articoli per Blogcritics. Ha pubblicato 310 articoli su Technorati. Carole Di Tosti amministra tre blog: il grasso e la pellegrande sulle visioni culturali e il benessere, i sonetti di un cristiano apologista e tutto il corso della skyline di New York un blog che esamina gli eventi di New York. Carole Di Tosti è stato citato in tre libri di etnografia, due Di Margo Ely. Carole Di Tosti ha scritto un romanzo e un lavoro non fiction sull'ethos culturale dell'aspetto e della bellezza.



Don Peppe 2010, Valpeligna Vini Carole Di Tosti

È stato documentato dai viaggiatori di quel periodo (Michele Torcia) del 1792 che l'uva denominata "Montepulciano" è stata coltivata ovunque nella Valle Peligna. L'ironia è che la natura del microclima, del suolo, dei venti e dei venti e le tecniche di coltivazione hanno influenzato il Prugnolo e hanno effettivamente cambiato il sangue di vita della morfologia dell'uva e, quindi, ha evoluto una varietà completamente diversa da quella di Abruzzo -Moliese (oggi Abruzzo perché le due province si sono divise nel 1963) erano in crescita. Lo hanno riferito come "Montepulciano".

Quindi, chi potrebbe pensare che dal Prugnolo, si è evoluta una vera e propria varietà vitigna chiamata Montepulciano. Dopo la suddivisione delle province nel 1963 divenne Montepulciano d'Abruzzo perché la Valle Peligna e altre zone abruzzesi dove si coltivano le uve di Montepulciano.

Vini con Don Peppe 2010 di Carole Di Tosti

Il carattere corposo e coraggioso del "vitigno Montepulciano" è meglio realizzato nella Valle Peligna dove Marco e Giuseppe Iacobbuci e altri viticoltori combinano i loro sforzi nella loro cooperativa Valpeligna Vini. E devo dire che il vino del Montepulciano D'Abruzzo DOC è sensazionale e molto diverso dal Vino Nobile di Montepulciano toscano, una miscela.

Ho provato il Don Peppe 2010. Il suo colore è scuro, rosso rubino intenso. C'erano note belle di ciliegia nera fuso con vaniglia. Era complessa e stratificata e aveva una finitura lunga e forte. I tannini non erano schiaccianti ma equilibrati. Un tale vino è ottimo con Grana Padano e altri formaggi taglienti, salumi e, naturalmente, carni rosse, arrosti e pasta.

I vini italiani come il popolo italiano hanno dentro di loro una storia straordinaria da raccontare. Se ricordiamo che tutta la penisola italiana è una regione fenomenale di prodotti alimentari e vinicoli (vorrei dire che non si può avere un brutto pasto in Italia), con l'evoluzione della coltivazione di uva trasformata da nobili e contadini, dai monaci e dal clero che Erano vignai diligenti. La tradizione del vino va ancora più indietro agli antenati degli italiani di oggi, per esempio etruschi, sanniti, greci, romani perché spesso il vino fermentato era più sicuro e più delizioso da bere che d'acqua. Infatti, esistono somiglianze ad oggi e dopo aver fatto un po 'di ricerca, è sorprendente quello che si scopre: la più recente varietà di uva di Montepulciano D'Abruzzo è una benvenuta e meravigliosa aggiunta alle varietà indigene italiane.

Per me la storia di questa uva rappresenta l'ingegnosità dei viticoltori e come stanno costantemente sviluppando e valorizzando i loro vigneti con tecniche migliorate per togliere i migliori vini di qualità più lussi. Come nota aggiunta, ciò non comporta l'uso di sostanze chimiche (pesticidi, erbicidi), oltre un migliaio di che sono vietati nell'Unione europea. Il Montepulciano D'Abruzzo è rigorosamente la morfologia del terroir, il microclima della Valle Peligna, il sole, il vento e le piogge della regione, mentre si sviluppa di anno in anno e gode della sua vita arricchita. Questi vini di Valpeligna Vini sono tutti bio-dinamici. Sono coltivati ​​con la passione e la tenera cura dei vignaioli i cui vigneti si trovano sulla collina di Maiella in Abruzzo. Per ulteriori informazioni consultare: Valpeligna Vini.